Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il logo di Richemont alla sede ginevrina

Keystone/EPA/RICHEMONT / YVES-ANDRE.CH / HANDOUT

(sda-ats)

Richemont ha annunciato oggi un calo del fatturato del 14% nei primi cinque mesi dell'esercizio 2016/17. Il gruppo ginevrino attivo nei prodotti di lusso ha particolarmente sofferto in Europa e in Giappone, indica una sua nota diramata oggi.

Tutte le regioni in cui il numero due mondiale del settore è attivo hanno registrato un calo delle vendite. Questo è stato tuttavia particolarmente forte in Europa (-20%) e in Giappone (-15%). L'area Asia-Pacifico e il Medio Oriente seguono con una contrazione del 12%.

Per il mese di settembre, Richemont non prevede miglioramenti quanto alle condizioni di mercato. Anticipa dunque un utile operativo e un utile netto semestrali al di sotto di quelli realizzati nello stesso periodo del 2015. Il calo dovrebbe situarsi attorno al 45%, calcola il gruppo ginevrino, che pubblicherà i risultati semestrali il 4 novembre.

Richemont aveva ben resistito al contesto difficile nel settore dell'orologeria nell'esercizio 2015/2016, chiuso a fine marzo, realizzando un utile netto di 2,23 miliardi di euro (2,48 miliardi di franchi), in progressione del 67% rispetto all'anno precedente.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS