Navigation

Richiamo lotto mascherine poco sicure

Il prodotto da restituire è stato giudicato poco sicuro dalla Suva. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 ottobre 2020 - 09:55
(Keystone-ATS)

Le mascherine respiratorie "KN95" (codice di articolo 2581098) commercializzate dalla e + h Services AG di Däniken (SO) in vendita nei negozi di ferramenta non sono sicure.

Gli acquirenti di questi prodotti (da non confondere con mascherine igieniche, n.d.r) possono restituirle ai punti vendite dove sono state comperate, indica una nota odierna dell'Ufficio federale del consumo.

L'Assicurazione contro gli infortuni (Suva) ha constatato, nel corso di un esame particolareggiato, che le mascherine in questione sono poco efficaci e portano una dichiarazione di conformità errata. Il richiamo riguarda le mascherine respiratorie "KN95", codice di articolo 2581098. Le mascherine sono vendute nei negozi di ferramenta.

Altre mascherine respiratorie "KN95" non sono interessate da questo richiamo. I clienti sono invitati a non utilizzare più queste mascherine respiratorie. Possono restituirle al punto vendita per ottenere il rimborso del prezzo d'acquisto.

Il 16 di settembre, l'Ufficio federale del consumo in due distinti comunicati aveva già richiamato due modelli di mascherine (KN95 e TOP-KN98-KEN01) a causa della loro scarsa efficacia protettiva.

Il 17 luglio scorso, la Suva e l'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) avevano sostenuto che oltre il 60% delle maschere di protezione FFP in vendita in Svizzera non offriva una protezione sufficiente. I due organismi invitavano importatori, rivenditori e datori di lavoro a usare maggiore prudenza. Contro chi aveva immesso sul mercato elvetico delle maschere di protezione FFP insufficienti (da non confondere con le mascherine igieniche) sono state avviate delle procedure amministrative.

Suva e UPI sono le autorità di sorveglianza in Svizzera per queste maschere protettive, riconoscibili dalla forma a becco d'anatra; mentre per le mascherine igieniche a forma rettangolare l'organo di controllo competente è Swissmedic.

In ottemperanza al mandato federale, l'UPI e la Suva avevano controllato una sessantina di maschere di protezione delle vie respiratorie, acquistate prevalentemente online e per lo più recanti l'indicazione KN95. In base alla maggior parte dei risultati ora disponibili, oltre il 60% dei modelli testati non offriva una protezione sufficiente. Ciò aveva indotto le due istanze ad emettere i primi richiami.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.