Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Richiedenti asilo bocciati: in calo beneficiari aiuti d'emergenza (foto d'archivio).

KEYSTONE/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Nel 2015 si è registrato un calo del numero di richiedenti asilo bocciati, beneficiari di prestazioni del soccorso d'emergenza (-6% rispetto all'anno precedente).

Di conseguenza anche i costi sostenuti dai cantoni sono risultati in ribasso (-4,6%) a 70,3 milioni di franchi. Lo indica oggi la Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

Dal rilevamento della SEM risulta che lo scorso anno 10'033 candidati all'asilo respinti, e dunque tenuti a lasciare la Svizzera, hanno beneficiato di aiuti sotto forma di vitto, alloggio, abbigliamento e assistenza sanitaria di base, in media per 129 giorni.

L'anno scorso la Confederazione ha versato ai cantoni una somma forfettaria unica pari a 6'100 franchi, volta a coprire i costi finché gli interessati non hanno lasciato la Svizzera. Tali contributi della Confederazione si sono attestati a 56,9 milioni di franchi, mentre le indennità sostenute dai cantoni per le spese dell'aiuto d'urgenza sono state pari a 70,3 milioni, 3,4 milioni in meno rispetto al 2014.

I beneficiari del soccorso d'emergenza provenivano soprattutto da Eritrea (9,4%) e Nigeria (6,7%), nonché da Algeria (5%), Kosovo (4,7%) ed Etiopia (4,3%). Rispetto all'anno precedente sono comunque diminuiti i beneficiari di aiuto nigeriani (10,1% nel 2014) ed algerini (5,7%), mentre sono aumentati in particolare gli eritrei (3,6% nel 2014). Per la maggioranza di loro, la SEM ha presentato una decisione di non entrata nel merito nell'ambito della procedura di Dublino.

Fase di test a Zurigo

La SEM precisa inoltre che, a Zurigo, la fase di test per velocizzare le procedure d'asilo ha avuto effetti positivi anche sul soccorso d'emergenza: le persone sottoposte a procedura accelerata ne hanno usufruito molto più raramente e per un periodo più breve rispetto alle persone sottoposte a procedura regolare.

Nel 2015, l'8,5% di tutte le persone obbligate a partire durante la fase di test ha beneficiato in media di 55 giorni di soccorso d'emergenza. Nell'ambito della procedura regolare, il 52% delle persone obbligate a partire ha beneficiato di aiuti per una media di 106 giorni, precisa ancora la SEM.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS