Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le richieste d'asilo di cittadini serbi in futuro saranno evase più rapidamente. È quando intende fare l'Ufficio federale della migrazione (UFM) dato che le chances di queste persone di ottenere l'asilo sono praticamente nulle. Ad affermarlo è lo stesso direttore dell'UFM Mario Gattiker.

La maggioranza delle richieste d'asilo serbe in Svizzera sono depositate da cittadini rom, indicano le statistiche sull'asilo. Tra gennaio e giugno, 965 persone provenienti dalla Serbia hanno depositato una domanda, un numero circa tre volte superiore di quello fatto registrare nello stesso periodo dello scorso anno.

Per risolvere il problema, Gattiker propone di vietare l'ingresso in Svizzera per alcune categorie di persone. Il direttore dell'UFM fa l'esempio di coloro che possono venire nella Confederazione senza bisogno di un visto, che hanno depositato una domanda d'asilo abusiva e che hanno beneficiato dell'aiuto sociale. Questo divieto d'ingresso sarebbe valido anche negli altri Stati Schengen.

L'UFM punta sulle procedure accelerate anche per quel che concerne le richieste provenienti da cittadini nordafricani. "Dall'inizio dell'anno abbiamo fatto progressi considerevoli", ha spiegato Gattiker. Nell'ultimo trimestre, il numero di domande evase è cresciuto del 35% e quello delle persone espulse del 43%. Nel contempo la durata media delle procedure è calata da 225 a 172 giorni.

L'ufficio considera inoltre prioritario occuparsi delle persone "recalcitranti" e "delinquenti". Alcuni nordafricani fuggiti dal loro paese dopo la "primavera araba" fanno parte di questa categoria di persone.

Il direttore dell'UFM ha riconosciuto il problema delle persone che commettono delitti minori e che sono rapidamente rimessi in libertà. Si potrebbe sì infliggere loro pene più severe, ha spiegato Gattiker, ma il problema è che nei cantoni mancano circa 300-400 posti nei centri di detenzione. In febbraio la Confederazione aveva detto di essere disposta ad aiutare finanziariamente i cantoni in questo ambito.

Per lottare contro la criminalità dei richiedenti l'asilo, il direttore della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali di giustizia e polizia (CDDGP) Hans-Jürg Käser propone di introdurre dei divieti di recarsi in determinate zone per le persone in attesa di espulsione. Si potrebbe ad esempio proibire loro di avvicinarsi alle stazioni. Tale tema sarà forse discusso in autunno in un incontro tra la CDDGP e la ministra di giustizia e polizia Simonetta Sommaruga.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS