Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MILANO - "Il delisting di Fastweb non è un tema in discussione ora. Dobbiamo prima chiarire la situazione". Così un portavoce di Swisscom, interpellato dall'ANSA, nega, senza peraltro escluderla per il futuro, l'ipotesi che il calo delle quotazioni di Fastweb, a seguito della bufera giudiziaria che ha coinvolto la società, possa spingere l'azionista svizzero a lanciare un'Opa per ritirare il titolo da Piazza Affari.
Oggi Fastweb ha rialzato la testa in Borsa - al pari di Telecom, coinvolta nell'inchiesta della Procura di Roma attraverso la controllata Sparkle - dopo aver lasciato sul terreno la scorsa settimana, in quattro sedute, il 16%. Un colpo che è costato all'azienda un perdita di 206 milioni di euro in termini di valore borsistico.
Se Swisscom, che controlla l'82% di Fastweb, decidesse di lanciare un'offerta pubblica d'acquisto, l'esborso ai prezzi di borsa attuali (il titolo guadagna a fine mattinata l'1,98% a 13,94 euro) si aggirerebbe intorno ai 200 milioni di euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS