Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un comitato borghese formato da esponenti PPD, Borghesi democratici, PLR e Verdi liberali ritiene che la riforma delle pensioni costituisca un compromesso che permette di affrontare le sfide future (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/CHRISTOF SCHUERPF

(sda-ats)

Di fronte all'invecchiamento della popolazione e all'allungamento della speranza di vita, la riforma previdenza 2020, sulla quale si esprimerà il popolo il 24 di settembre prossimo, stabilizza e garantisce le rendite future.

Ne è convinto un comitato borghese formato da esponenti PPD, Borghesi democratici, PLR e Verdi liberali.

Presentando oggi a Berna le ragioni del "sì", il comitato ha dichiarato che dopo vent'anni senza cambiamenti è giunta l'ora di sostenere una riforma volta ad adeguare il primo e il secondo pilastro alle esigenze future.

La riforma delle pensioni, indica una nota odierna, costituisce un compromesso che permette di affrontare le sfide future e che riguarda per la prima volta l'insieme della previdenza, ossia l'AVS e la cassa pensione.

Il progetto Previdenza per la vecchiaia 2020 è stato definitivamente approvato dal Parlamento durante la scorsa sessione primaverile.

I punti più importanti sono: l'abbassamento del tasso di conversione delle rendite della cassa pensione dal 6,8 al 6,0%, il supplemento di 70 franchi sulla rendita AVS per i nuovi pensionati, l'aumento del tetto massimo per i coniugi dal 150% al 155% per le rendite del Primo Pilastro, l'innalzamento dell'IVA di 0,6 punti, l'aumento a 65 anni dell'età pensionabile delle donne, il pensionamento flessibile tra 62 e 70 anni, la riduzione e la flessibilizzazione della deduzione di coordinamento (II pilastro), l'aumento di un punto percentuale degli accrediti vecchiaia prelevati sul salario per le categorie d'età 35-44 anni e 45-54 anni, nonché un regime transitorio per le persone che avranno almeno 45 anni al momento dell'entrata in vigore della riforma.

La proposta di aumentare automaticamente fino a 67 anni l'età pensionabile in caso di ristrettezze finanziare dell'AVS è invece stata accantonata.

SDA-ATS