Navigation

Riforma previdenza: presidenti partiti governo pensano a piano B

Albert Rösti, presidente UDC, Gerhard Pfister, presidente PPD, e Petra Gössi, presidente PLR KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2017 - 19:13
(Keystone-ATS)

Dopo il fallimento odierno della riforma pensionistica serve un piano B, con un progetto meno indigesto e magari a più stadi. Sembra essere questo l'approccio che si sta cristallizzando, stando ai presidenti dei partiti di governo.

"Abbiamo un piano B da mesi", ha detto all'ats la presidente del PLR Petra Gössi. Per garantire l'AVS è necessario un nuovo finanziamento, serve un aumento moderato dell'Iva senza toccare il sistema delle rendite. Altro punto importante è l'armonizzazione dell'età di pensionamento per le donne e gli uomini a 65 anni. La riforma del secondo pilastro dovrebbe essere attuata in una seconda fase.

Un pilastro dopo l'altro, e non tutto nello stesso paniere, è anche il messaggio di Albert Rösti. Il presidente dell'UDC ha aggiunto che l'obiettivo principale rimane quello di garantire la sopravvivenza a lungo termine dell'AVS. Rösti propone un pensionamento a 65 anni per tutti e un rapido aumento dell'IVA di 0,3 punti percentuali.

Per il presidente PS Christian Levrat occorre prepararsi a nuovi dibattiti in parlamento. La votazione odierna ha posto dei limiti che non dovrebbero essere superati nella prossima riforma, come il taglio delle rendite o il peggioramento della situazione di gruppi come quello delle donne.

"È molto difficile dire oggi in quale direzione andranno i dibattiti in parlamento", afferma da parte sua il presidente PPD Gerhard Pfister. Ma prima di rientrare nell'arena è tempo di fare un'analisi. Secondo Pfister il prossimo progetto rischia però di portare a una polarizzazione, come è stato il caso da 20 anni a questa parte in tema di AVS.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo