Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Altri cinque stati americani si sono oggi formalmente opposti alla riforma sanitaria varata dall'amministrazione Obama. Sale così a 18 il numero degli Stati contrari alla legge perché la ritengono incostituzionale.
Il ministro della Giustizia della Florida, Bill McCollum, ha comunicato che all'azione legale per incostituzionalità promossa dalla Florida "si sono uniti oggi anche Mississippi, North Dakota, Idiana, Nevada e Arizona". "Diamo loro il benvenuto - ha detto McCollum - mentre continuiamo a batterci per proteggere sia i nostri diritti costituzionali come cittadini americani, sia la sovranità dei nostri stati".
Un'altra dozzina di stati si erano già uniti a suo tempo alla Florida. I 18 stati che appoggiano la causa sono quasi tutti a guida repubblicana.

SDA-ATS