Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Circa 300 persone hanno partecipato oggi a Berna a una manifestazione di solidarietà con i profughi giunti in Europa.

I dimostranti hanno chiesto alle autorità di praticare una generosa politica di accoglienza e di predisporre vie di fuga sicure e legali dalle zone di crisi.

La manifestazione era stata indetta da varie organizzazioni, sindacati e partiti di sinistra. I partecipanti hanno fra l'altro formato una catena umana.

"Servono ponti, non muri", ha affermato il consigliere nazionale Balthasar Glättli (Verdi/ZH). A suo avviso la Svizzera deve mostrarsi aperta come lo è stata ai tempi del Kosovo: occorre accogliere un contingente di 40-50'000 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS