Insegnare ai dipendenti nuove competenze è meno caro che licenziare per poi assumere nuovo personale con il profilo giusto: ne è convinto Alain Dehaze, presidente della direzione di Adecco, leader mondiale del lavoro interinale.

Non solo l'industria, anche diversi settori amministrativi sono di fronte a profondi mutamenti, afferma il manager belga in un'intervista concessa all'agenzia di stampa Reuters. Le tecnologie digitali e l'intelligenza artificiale stanno cambiando la vita lavorativa quotidiana così rapidamente che le aziende e i dipendenti difficilmente riescono a tenere il passo. "Le persone perdono ogni quattro anni il 30% delle loro competenze tecniche perché l'ambiente sta cambiando e sono necessarie nuove capacità".

Secondo Dehaze quando i requisiti per un impiego cambiano i datori di lavoro hanno due opzioni: possono licenziare i dipendenti e assumerne di nuovi, ma è un processo costoso, oppure insegnare ai sottoposti le conoscenze necessarie. Questa cosiddetta riqualificazione (reskilling) è molto più economica, si dice convinto il CEO di Adecco. "Un licenziamento in Svizzera può costare fino a 100'000 franchi, un aggiornamento mirato della formazione circa un terzo". Secondo uno studio della società di consulenza McKinsey, entro il 2030 fino a 375 milioni di dipendenti potrebbero essere interessati dalla riqualificazione.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Che cosa ne pensa di Swissinfo?

Sondaggio

Che cosa ne pensa di Swissinfo?

Che cosa ne pensa di Swissinfo?

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.