Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I concerti sono fra gli eventi più amati dai bagarini (nella foto: Festival Jazz di Montreux).

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

In Svizzera non sarà vietato rivendere a prezzi maggiorati i biglietti di manifestazioni musicali o sportive. Il Consiglio nazionale ha infatti respinto oggi, con 112 voti contro 52 e 12 astenuti, una proposta di Sebastian Frehner (UDC/BS).

Alcuni speculatori acquistano i biglietti alla prevendita e li rivendono poi a prezzi esorbitanti, precisa l'autore della mozione. Orbene, la situazione attuale danneggia tutti: gli organizzatori degli eventi, gli operatori che gestiscono la vendita ufficiale dei biglietti e i consumatori.

Per la maggioranza, tuttavia, la libertà di fissare il prezzo anche in caso di rivendita di prodotti e servizi è un principio della libera concorrenza. "Spetta ai consumatori confrontare i prezzi proposti", ha affermato il consigliere federale Johann Schneider-Ammann.

Alcune pratiche sono comunque già oggi assimilabili alla concorrenza sleale e possono pertanto essere impugnate davanti ai tribunali. Ciò è vero in particolare quando gli speculatori ricorrono a programmi informatici sofisticati o a gruppi di adolescenti per accaparrarsi un gran numero di biglietti, ha precisato il presidente della Confederazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS