Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Christoph Franz, Chairman of the board, speaks during the general assembly of Swiss pharmaceutical company Roche Holding AG in Basel, Switzerland, on Tuesday, 01 March, 2016. (KEYSTONE/Patrick Straub)

KEYSTONE/PATRICK STRAUB

(sda-ats)

L'utile netto del gruppo farmaceutico basilese è aumentato nel 7% nel 2016, a 9,73 miliardi di franchi; cresciuto pure il fatturato del 5% a 50,6 miliardi, grazie a un forte aumento delle sue due divisioni.

A tassi di cambio costanti l'utile è aumentato anche del 7% e il fatturato del 4%, indica oggi in gruppo in un comunicato. Rapportato alle attività di base, l'utile operativo è progredito del 5% a 18,4 miliardi di franchi. Gli analisti dell'agenzia finanziaria awp avevano anticipato in media vendite per 50,81 miliardi e un utile operativo di 18,54.

Il giro d'affari della divisione Diagnostics è progredito del 6% (+7% a tassi di cambio costanti), a 11,5 miliardi, una crescita dovuta in gran parte alle soluzioni di immunodiagnostica. Per quanto concerna la divisione Pharma, le vendite sono aumentate del 5% (+3% a tassi di cambio costanti), a 39,1 miliardi. Gli anticancerogeni Perjeta e Herceptin, così come i medicamenti Actemra/RoActemra utilizzati per il trattamento dell'artrite reaumatoide, hanno contribuito al buon risultato.

Per l'esercizio in corso la direzione di Roche si attende un aumento delle vendite a una cifra, a tassi di cambio costanti, e un aumento del dividendo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS