Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

WASHINGTON - Alla vigilia dell'annunciato rogo del Corano da parte del pastore Terry Jones, l'Interpol lancia un'allerta globale per attentati terroristici, mentre Washington mette in guardia gli americani in tutto il mondo. I talebani dicono "Colpiremo tutti i cristiani".
Per il presidente americano Barack Obama, l'iniziativa di Jones "fa il gioco di al Qaida e mette veramente in pericolo i militari in Iraq e Afghanistan". "Ci potrebbero essere gravi violenze in luoghi come Pakistan o Afghanistan", ha detto poche ore prima che l'Interpol e il Dipartimento di Stato americano elevassero il livello di guardia.
Alcuni agenti dell'FBI in completo scuro hanno fatto visita oggi al pastore Terry Jones, a Gainesville, in Florida, dove ha sede il Dove World Outrach Center. L'ipotesi è che questi agenti abbiano consegnato a Jones un messaggio dell'amministrazione per convincerlo a recedere dalla sua volontà di bruciare pubblicamente copie del Corano sabato prossimo.
L'Interpol ha diramato l'allarme attentati ai 188 Paesi membri dell'organizzazione su richiesta del ministro degli Interni pachistano: "Non siamo in possesso di alcun dettaglio particolare sulla forma che potrebbero prendere questi attacchi terroristici - sottolinea il segretario generale di Interpol, Ronald K. Noble - è chiaro che se il progetto di bruciare il Corano si realizzasse come previsto, ci saranno conseguenze tragiche, che potrebbero costare la vita a numerosi innocenti".
L'organizzazione stigmatizza l'iniziativa di Jones, "una provocazione" che dovrebbe essere evitata in un giorno come l'11 settembre, soprattutto da parte di un cittadino Usa. Nelle prossime ore, il quartier generale dell'Interpol sarà in stato di massima allerta, con l'ordine di trattare con urgenza ogni evento collegato al previsto rogo delle copie del Corano.
L'allerta è stata diramata dopo le notizie di possibili attacchi riferite dal ministro dell'Interno pachistano, Rehman Malik. Anche il premier iracheno Nouri al-Maliki ha avvertito che il rogo del Corano, una azione "orribile", potrebbe essere preso come pretesto dagli estremisti per compiere altri omicidi". Un timore condiviso dall'FBI, che immagina "rappresaglie".
Le preoccupazioni sono concretizzare da un portavoce dei Talbani in Afghanistan: "Se in Florida bruceranno il Corano, noi colpiremo tutti i cristiani, anche se sono innocenti, perché il Corano è il nostro libro sacro e non vogliamo che nessuno lo bruci".
Il Dipartimento di Stato americano ha messo in allerta i cittadini americani nel mondo e quelli che intendono recarsi all'estero. Washington ha chiesto alle sue ambasciate di preparare piani di sicurezza in vista di possibili dimostrazioni di protesta. Una è già in programma a Londra, dove militanti radicali islamici hanno annunciato che bruceranno le bandiere a stelle e strisce davanti all'ambasciata statunitense. Un appello in tal senso è stato diffuso anche ai militanti negli Stati Uniti, in Belgio, Irlanda, Libano e Indonesia.
A conferma di un clima sempre più surriscaldato, che evoca quello che accompagnò la pubblicazione delle vignette su Maometto, vicenda che scatenò violenze in tutto il mondo, l'Organizzazione della Conferenza Islamica (OCI), esprimendo "grave preoccupazione" per l'iniziativa di Jones, sottolinea il clima "spiacevole ed emotivamente volatile" in tutto il mondo ed invita il pastore a fare un passo indietro.
Intanto, il provider web che ospitava il sito della chiesa di Jones ha deciso di oscurare le pagine web. L'Associated Press, da parte sua, annuncia che non diffonderà le immagini del rogo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS