Navigation

Rohani respinge le accuse Usa, 'i problemi colpa loro'

Il presidente iraniano Hassan Rohani. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2019 - 18:58
(Keystone-ATS)

"Invece di accusare gli altri Paesi, gli Stati Uniti prendano atto che i problemi di questa regione derivano dalla loro presenza". Lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani, rispondendo alle accuse lanciate dal segretario di Stato Mike Pompeo.

Quest'ultimo aveva puntato il dito contro Teheran per gli attacchi agli impianti petroliferi sauditi. Secondo Rohani, gli Usa creano instabilità con la loro presenza in Siria, ma anche "supportando l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi e fornendo loro armi e informazioni".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.