Navigation

Rom: Onu a Francia, evitare rimpatri collettivi

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 agosto 2010 - 13:28
(Keystone-ATS)

GINEVRA - Il Comitato dell'Onu per l'eliminazione della discriminazione razziale ha esortato oggi la Francia ad "evitare i rimpatri collettivi" di Rom e di adoperarsi per soluzioni durature. In una serie di raccomandazioni rese note oggi a Ginevra, gli esperti indipendenti membri del Comitato esprimono inoltre preoccupazione per l'aumento "di manifestazioni e di violenze a carattere razzista nei confronti dei Rom".
Il Comitato si dice anche preoccupato per i "discorsi politici di natura discriminatoria".
Nelle loro conclusioni sulla Francia - rese note al termine di una sessione di lavoro nel corso della quale sono stati esaminati i rapporti periodici della Francia ed altri dieci Paesi - gli esperti del Comitato prendono atto delle informazioni fornite da Parigi sui rimpatri volontari dei Rom nei loro Paei d'origine, ma evocano informazioni secondo le quali alcuni Rom sono stati "rinviati in modo collettivo nei loro Paesi d'origine senza che sia stato ottenuto il consenso libero, pieno e informato di tutti gli individui interessati".
Il Comitato è "anche preoccupato per la difficile situazione dei membri della comunità Rom per l'esercizio dei loro diritti economici, sociali e culturali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.