Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - La commissaria Ue Viviane Reding ha annunciato l'avvio di "una procedura di infrazione contro la Francia" per applicazione discriminatoria della direttiva sulla libera circolazione dei cittadini e per la mancata trasposizione di tali norme europee nella legislazione francese.
La commissaria Reding ha precisato che i tempi della procedura di infrazione saranno molto rapidi: "Raccomanderò al presidente Barroso di procedere d'urgenza, così non perderemo tempo. Aspetto di poter procedere nelle prossime due settimane".
La Commissaria ha usato parole molte nette verso l'attitudine del governo francese: "La mia pazienza sta arrivando al limite, quando è troppo è troppo", ha detto battendo significativamente il pugno dal padio dal quale parlava. La Reding ha detto di avere intenzione di procedere in questo modo non solo nei confronti della Francia, ma anche nei confronti di altri Stati membri "piccoli o grandi", che agissero contro il diritto comunitario.
La commissaria ha ribadito più volte che spetta all'esecutivo Ue fare applicare le leggi europee per il suo ruolo di guardiano dei trattati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS