Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Diverse organizzazioni umanitarie vogliono maggior rispetto e riconoscimento per i Rom in Svizzera, in occasione della giornata internazionale dedicata a questa minoranza etnica.

Esse chiedono al Consiglio federale di dare un miglior accesso alla partecipazione politica e di accordare ai nomadi stranieri più spazi di transito.

Le minoranze come Jenisch, Sinti e Rom continuano ad essere stigmatizzate nella politica e nei media, viene indicato in una lettera aperta alla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, pubblicata oggi. I Rom subiscono anche la cosiddetta "profilazione razziale" da parte della polizia. Questa coalizione di organizzazioni vuole quindi contrastare tale tendenza.

La maggior parte degli 80-100 mila Rom che vivono su suolo elvetico possiede un passaporto svizzero. Nonostante ciò sono assenti dalle istanze politiche, criticano le ONG.

La coalizione di organizzazioni è invece soddisfatta dell'istituzione da parte della Confederazione di uno speciale gruppo di lavoro per discutere della carenza di spazi per il soggiorno e il transito dei gitani.

La lettera aperta è stata firmata, tra le altre, anche da Amnesty International e da Caritas.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS