Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Accetto la nomination per la presidenza degli Stati Uniti d'America": così il candidato repubblicano alla Casa Bianca, Mitt Romney, ha aperto il suo intervento davanti alla gremitissima platea della Conventio del partito repubblicano a Tampa, in Florida.

Romney, visibilmente commosso, ha pronunciato la tradizionale formula davanti alla folla dei delegati in delirio.

Il candidato ha poi reso omaggio a Paul Ryan, candidato vicepresidente, in tribuna insieme alla moglie. Poco distante, in abito azzurro, è seduta anche la moglie di Romney, Ann, che due giorni fa col suo intervento ha conquistato la Convention.

Obama vuole salvare mondo, io famiglie

Basta con le delusioni di questi ultimi quattro anni. È tempo che ci riprendiamo la promessa che noi chiamiamo America. Mitt Romney, nel suo discorso di accettazione della candidatura repubblicana alla Casa Bianca, rilancia lo spirito degli Stati Uniti, il suo ottimismo e la sua voglia di andare avanti.

Chiudendo la kermesse del Grand Old Party, a 67 giorni dal voto presidenziale, attacca a testa bassa Barack Obama. Lo fa contrapponendo al idealismo inconcludente di Barack, il suo sano pragmatismo di padre e nonno, di chi con la sua esperienza di uomo d'affari, è capace di salvare il Paese, creare nuovi posti di lavoro, ridare speranze ai giovani.

Con un filo di sarcasmo, esalta i delegati del Tampa Bay Times Forum: "Il presidente Obama ha promesso di rallentare il flusso degli oceani e guarire il pianeta dai suoi mali. La mia promessa... è quella di aiutare voi e la vostra famiglia". Insomma, il presuntuoso leader mondiale, l'uomo che pensava di mettere a posto il pianeta, alla fine non è riuscito a fare la cosa per cui era stato eletto: tutelare il diritto al conseguimento della felicita per tutti gli americani, così come è garantito dalla Costituzione.

"È ora - osserva Romney - che tutti noi americani ci mettiamo alle spalle le delusioni degli ultimi quattro anni. È tempo - sottolinea - che ci riprendiamo la promessa che chiamiamo America", tradita dal presidente americano.

E sulla strada da seguire, Romney il pragmatico, il manager di successo lontano dai giochetti di Washington, non ha dubbi: "La cosa di cui l'America ha bisogno oggi non è tanto difficile da scoprire. Non servono speciali commissioni governative per dircelo: sono posti di lavoro, molti posti". Quindi l'ex governatore del Massachusetts ha difeso la sua controversa finanziaria, la Bain Capital, definendola "una grande storia di successo americano".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS