Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pro Natura ha eletto il rospo ostetrico animale dell'anno 2013. In soli 25 anni, quasi la metà della sua popolazione è scomparsa. Le condizioni di sopravvivenza degli anfibi in generale sono sempre più difficili: ormai in Svizzera sono minacciate quattordici specie su 20, spiega l'organizzazione ambientalista in un comunicato diffuso oggi.

Il rospo ostetrico (Alytes obstetricans) è diffuso soprattutto nelle regioni collinari dell'Altipiano, nel Giura e nelle Prealpi, al di sotto dei 1650 metri di quota, mentre è assente al sud delle Alpi. Si tratta di un animale discreto; solitamente si nota la sua presenza solo per il caratteristico richiamo squillante che, se eseguito in coro, evoca il lontano tintinnio di campanelli. Lungo tra i 3,5 e i 5 centimetri, ha due grandi e scintillanti occhioni dorati. Le sue abitudini sono uniche tra le specie di anfibi indigene: infatti è il solo anuro ad accoppiarsi sulla terraferma senza deporre le uova in acqua. Il maschio si avvolge i cordoni gelatinosi di uova fecondate attorno alla zampa e se li carica in groppa per tre-sei settimane.

La causa principale del forte calo della popolazione del rospo ostetrico è la distruzione e la trasformazione dei suoi habitat. I corsi d'acqua sono stati imbrigliati, le zone umide prosciugate, i prati drenati, le superfici impermeabilizzate, i mucchi di pietra sgomberati. Per evitare l'estinzione di questo anuro e degli anfibi indigeni in generale Pro Natura invita quindi a conservare le acque e gli habitat terrestri adatti a questi animali e a creare nuovi biotopi idonei.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS