Navigation

Russia: 48 i morti per incendi, forte inquinamento

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 agosto 2010 - 09:07
(Keystone-ATS)

MOSCA - Il bilancio degli incendi boschivi che stanno colpendo la Russia è salito a 48 morti. Lo ha reso noto la protezione civile russa, mentre la fitta cappa di fumo provocata dalle fiamme ha fatto impennare i livelli di inquinamento dell'aria a Mosca.
Tre corpi sono stati scoperti nella regione della capitale ed altri nelle regioni di Nijni Novgorod, Ivanovo, Riazan e Voronej.
"L'inquinamento è peggiorato da quattro a dieci volte nelle prime ore del mattino (al di sopra dei livelli di sicurezza)", ha detto Elena Lezina, una esperta dell'ente statale russo che controlla la qualità dell'aria. Nella notte la concentrazione di monossido di carbonio è aumentata fino a 5.7 volte i livelli di sicurezza e la concentrazione di particolato è triplicata", ha aggiunto.
Decine di migliaia di vigili del fuoco, militari e soccorritori continuano a lottare contro gli incendi che hanno distrutto migliaia di ettari di foreste nella parte occidentale del paese, colpita da un'ondata di calore senza precedenti dall'inizio di luglio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.