Navigation

Russia: alcolismo uccide 80 mila persone all'anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 gennaio 2010 - 12:01
(Keystone-ATS)

MOSCA - Le malattie correlate all'alcolismo uccido ogni anno tra le 75.000 e le 80.000 persone in Russia: lo riferisce l'agenzia Interfax, citando il capo della sanità pubblica del Paese, Ghennadi Onishenko, il quale ha proposto di ripristinare il trattamento medico obbligatorio esistente in epoca sovietica.
Delle circa 80.000 vittime annuali dell'alcol, 28.000 muoiono per problemi di cuore, 25.000 per avvelenamento, 13.000 per problemi di fegato, 4.300 per alcolismo cronico e 2.700 per la degenerazione del sistema nervoso. Il 30%-40% degli incidenti automobilistici, inoltre, è causato da autisti che guidano in stato di ubriachezza.
Secondo Onishenko, in Russia ci sono 2,2 milioni di alcolizzati e altre 500.000 persone con seri problemi di alcol.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.