Navigation

Russia: Banda Skinhead condannata per 6 omicidi razzisti

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2010 - 14:36
(Keystone-ATS)

MOSCA - Condanne da sei a 23 anni di prigione oggi a Mosca per nove membri del gruppo skinhead "I lupi bianchi" ritenuti responsabili a vario titolo di sei omicidi - sugli undici contestati dall'accusa - a sfondo razzista nel 2008. Lo riferiscono le agenzie. Altri tre imputati sono stati assolti dalla giuria popolare.
La banda era guidata da un diciottenne che si considerava un russo doc benché di origini mezze georgiane: i giudici gli hanno inflitto sette anni di reclusione. Il gruppo faceva spedizioni contro persone dall'aspetto non slavo: prima le percuotevano e poi le uccidevano a colpi di coltello e di cacciavite, gridando slogan come "La Russia ai russi, Mosca ai moscoviti". Gli assalitori filmavano i loro blitz e poi li diffondevano su internet insieme ai loro commenti. Nessuno degli imputati ha professato pentimento per i fatti commessi e ha abiurato le proprie idee ultranazionaliste.
Ieri sera, intanto, a Mosca è stato ritrovato il corpo di un cittadino clandestino kirghizo, di 34 anni, ucciso a coltellate.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.