Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MOSCA - Approfittando dell'ora legale, entrata in vigore oggi, la Russia ha cancellato due degli undici fusi orari del lunghissimo Paese per "avvicinare" i suoi estremi. E potrebbe non essere finita qui visto che in prospettiva il sogno del presidente Dmitri Medvedev sarebbe quello di arrivare a sole cinque fasce.
Comunque da oggi Samara sul Volga e la repubblica autonoma di Udmurtia - le regioni più occidentali che avevano un'ora in meno rispetto a Mosca - si allineano con la capitale; Kemerov, in Siberia meridionale, da 4 ore di differenza con la capitale scende a 3; la penisola di Kamciatka e il circolo autonomo di Ciukotka nell'Estremo Oriente russo seguono l'ora di Magadan, passando da +9 a +8 rispetto a Mosca.
La scorsa settimana dando il via provvedimento, con un occhio a quanto avviene negli Stati Uniti e in Cina (rispettivamente cinque fusi orari e uno), Medvedev aveva detto che "potrà aiutare a dare nuovo respiro all'economia". E il suo entusiasmo sembra essere condiviso dai burocrati e dai politici che pensano soprattutto a quanto questo provvedimento faciliterà i rapporti tra le varie amministrazioni pubbliche e le aziende sparse su 17 milioni di chilometri quadrati, un nono delle terre emerse del pianeta. Impossibile governare un paese, dicono in coro, in cui metà della popolazione va a dormire quando l'altra metà si alza.
Molto più scettici i russi, soprattutto quelli delle regioni dell'estremo oriente, che temono uno stravolgimento delle loro abitudini e dei loro ritmi. Se infatti sarà approvata la riforma più radicale, quella dei cinque fusi, rischiano di cominciare la giornata con il sole già alto in cielo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS