Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Altri due musicisti, dopo le Pussy Riot, sono stati arrestati in Russia dopo aver cantato una canzone di protesta contro Putin. Si tratta di Ievgheni Aliokhin e Konstantin Strokolski, della rap band Makulatura (carta straccia), abbastanza popolare nella capitale.

I due stavano esibendosi ieri sera non in una cattedrale, come le Pussy Riot, ma al parco Bauman durante un festival giovanile. Alla terza canzone uno degli agenti presenti è salito sul palco e li ha invitati a seguirlo in commissariato.

Qui hanno trascorso la notte ed oggi sono stati processati, con la non meglio precisata accusa di teppismo non grave: entrambi, riferisce l'agenzia Interfax, sono stati condannati a pagare una multa di mille rubli a testa (25 euro).

La canzone che i due stavano interpretando si intitola "il poliziotto del futuro" e prende di mira ironicamente il leader del Cremlino, il suo partito Russia Unita e, naturalmente, i poliziotti che votano Putin: "ho paura della libertà, non la voglio", "meglio avere qualcuno che mi suggerisca per chi votare e come attraversare la strada", alcuni dei passaggi. Evidentemente agli agenti il loro repertorio non è piaciuto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS