Navigation

Russia: condanne fino a 18 anni a 7 attivisti sinistra

In Russia sono state inflitte condanne dai 6 ai 18 anni di reclusione a sette membri del gruppo anarchico e di sinistra Set. Le autorità accusano il gruppo di terrorismo, ma i sette imputati respingono ogni accusa. KEYSTONE/AP/IVAN SEKRETAREV sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2020 - 13:30
(Keystone-ATS)

Il tribunale militare di Penza, in Russia, ha inflitto condanne dai sei ai 18 anni di reclusione a sette membri del gruppo anarchico e di sinistra Set. Le autorità accusano il gruppo di terrorismo, ma i sette imputati respingono ogni accusa.

Secondo gli attivisti per la difesa dei diritti umani il caso si basa su testimonianze strappate con la tortura. I sette furono arrestati nel 2017 a Penza assieme ad altre quattro persone arrestate a San Pietroburgo.

Gli investigatori, scrive il Moscow Times, sostengono che volessero organizzare attacchi durante le presidenziali e i mondiali di calcio del 2018.

Secondo l'ong Memorial, i membri di Set sono invece dei "prigionieri politici". Dopo che il giudice ha letto la sentenza, i simpatizzanti del gruppo hanno gridato in aula "Libertà per i prigionieri politici".

Dmitry Pchelintsev e Ilya Shakursky sono stati condannati a 18 e a 16 anni di reclusione perché accusati di aver creato il gruppo che i servizi di sicurezza russi ritengono una "organizzazione terroristica". Secondo gli investigatori, il gruppo Set sarebbe stato fondato con lo scopo di rovesciare il governo.

Gli altri cinque imputati sono stati ritenuti colpevoli di far parte dell'organizzazione. Alcuni sono stati condannati anche per possesso illegale di armi ed esplosivi e tentativo di traffico di stupefacenti.

La maggior parte dei membri di Set che sono stati arrestati hanno denunciato di essere stati torturati con gli elettrodi e picchiati per strappare loro delle confessioni. In una lettera aperta, i parenti degli imputati hanno definito le accuse "fabbricate" e hanno chiesto un giusto processo.

"Si tratta di un verdetto mostruosamente severo, ma non ci aspettavamo nulla di diverso", ha detto l'attivista di Memorial, Oleg Orlov, all'agenzia France-Presse.

Quasi 50'000 persone hanno firmato una petizione per chiedere la chiusura del caso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.