Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente russo Vladimir Putin (foto d'archivio).

KEYSTONE/AP POOL EPA/SERGEI ILNITSKY

(sda-ats)

"Ogni giorno abbiamo centinaia e migliaia di attacchi cibernetici contro i nostri sistemi digitali nella Federazione russa: alcuni arrivano dagli Stati Uniti, decine dal territorio della Germania, decine dalla Gran Bretagna".

Lo ha dichiarato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, in un'intervista alla Bbc.

"Pensiamo - ha detto Peskov - che non abbiano nulla a che fare con i governi, sebbene abbiamo anche delle prove che alcuni servizi speciali stranieri potrebbero essere dietro a certi attacchi contro le nostre banche e contro i nostri siti ufficiali".

Il portavoce del Cremlino ha quindi respinto nuovamente le accuse rivolte alla Russia di essere dietro gli attacchi hacker al partito democratico americano: "Né il governo russo né il Cremlino, né il presidente Putin personalmente né l'intelligence militare sono dietro questi attacchi, se esistono davvero", ha affermato Peskov.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS