Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

MAKHACHKALA (RUSSIA) - Una seconda bomba è esplosa stamani sui binari di una ferrovia del Daghestan, a pochi metri da quella che aveva fatto deragliare un treno merci di otto vagoni.
"L'ordigno era piazzato vicino ai binari a 25 metri dal primo e doveva scoppiare quando la polizia e gli investigatori fossero arrivati sul luogo", ha detto all'agenzia Itar-Tass una fonte della polizia ferroviaria locale.
Questa seconda bomba non ha provocato feriti, come anche la prima. Il treno merci deragliato, che trasportava materiali da costruzione, viaggiava fra Mosca e la ex repubblica sovietica dell'Azerbaijan.
"I primi dati - ha detto una fonte della sicurezza all'agenzia Ria - mostrano che questa esplosione è la continuazione dell'attacco terroristico dai ribelli del Caucaso settentrionale, cominciato il 29 marzo" con gli attentati alla metropolitana di Mosca (40 morti) e proseguito il 31 con i due attentati suicidi a Kizlyar, nel Daghestan (12 morti).

SDA-ATS