Navigation

Russia: dodici uccisi in casa data alle fiamme sul Mar Nero

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2010 - 20:32
(Keystone-ATS)

MOSCA - Dodici persone, tra cui quattro bambini, sono state assassinate a coltellate in un edificio di un villaggio russo non lontano dalle coste del Mar Nero. Lo hanno reso noto gli inquirenti, precisando che "dieci dei dodici uccisi presentano molte ferite di arma da taglio". Due bambini sono morti per soffocamento: uno strangolato, un altro asfissiato dal fumo dell'incendio appiccato alla casa.
La località del massacro è situata nella regione di Krasnodar. Un'inchiesta è stata aperta ma non è stata formulata alcuna ipotesi. Di certo, è stato detto, si è trattato di un attacco "feroce, particolarmente violento e ben organizzato".
Secondo i primi rilievi, le fiamme sono state appiccate all'edificio in tre diversi punti, apparentemente per ritardare il ritrovamento dei cadaveri e la loro identificazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?