Navigation

Russia: governo congela i prezzi prodotti petroliferi ed elettrici

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2012 - 10:24
(Keystone-ATS)

Il governo russo ha deciso di congelare almeno sino alle prossime presidenziali di marzo i prezzi dei prodotti petroliferi ed elettrici, mantenendoli al livello dello scorso dicembre.

"Nonostante la crescita del prezzo del petrolio nel gennaio 2012, abbiamo un accordo di principio con le compagnie petrolifere che il prezzo dei prodotti petroliferi, inclusi quelli al dettaglio, non aumenterà", ha detto il ministro dell'energia Serghiei Shmatko in una conference call con le regioni, come riferisce il sito Gazeta.ru. Il ministro non ha spiegato il meccanismo del congelamento dei prezzi.

Per quanto riguarda le tariffe elettriche, esse saranno riviste nella seconda metà dell'anno, anzichè nella prima, come avviene di solito.

Gli esperti sostengono che si tratta di una mossa puramente elettorale e che, dopo le presidenziali, nelle quali il premier Putin è superfavorito, l'aumento dei prezzi energetici sarà inevitabile. Lo scorso anno il prezzo del gas in Russia è cresciuto del 14,9%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?