Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I terroristi contro cui stanno combattendo in Mali le truppe francesi e gli alleati africani sono gli stessi combattenti che le potenze occidentali hanno armato nella guerra in Libia per spodestare il colonnello Muammar Gheddafi. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov in una conferenza stampa a Mosca.

"Quelli contro cui stanno combattendo in questo momento francesi e africani - ha detto il ministro - sono le stesse persone che hanno abbattuto il regime di Gheddafi, le stesse che i nostri alleati occidentali hanno armato in modo che potessero far cadere il regime di Gheddafi".

Lavrov ha quindi sottolineato che "la situazione in Mali è una conseguenza di quanto avvenuto in Libia" e che "il rapimento degli ostaggi in Algeria è stato uno squillo di sveglia". Infine, anche se non è contrario all'intervento militare in Mali, autorizzato da una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, secondo il ministro il Cremlino non ha mai offerto un aiuto alla Francia per trasportare le sue truppe nel Paese africano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS