Navigation

Russia: in vigore nuovo prezzo minimo Vodka

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 gennaio 2010 - 18:41
(Keystone-ATS)

MOSCA - Dalla mezzanotte scorsa in Russia è entrata in vigore una direttiva governativa che impone un prezzo minimo di 89 rubli per la vendita di bottiglie di vodka da mezzo litro.
Il provvedimento è diretto a combattere il mercato nero e la diffusione sempre maggiore di vodka a buon mercato e di bassa qualità, che aggrava ulteriormente i danni per la salute, e si inquadra nella lotta all'alcolismo intrapresa con decisione dal presidente Dmitri Medvedev.
Non è senza significato infatti che l'obbligo del prezzo minimo sulla bevanda nazionale russa sia scattato all'inizio del lungo periodo di vacanze invernali che include il Capodanno e il Natale ortodosso (7 gennaio) e che si protrarrà fino al 10 gennaio compreso. Un periodo nel quale tradizionalmente in Russia il consumo di vodka e di alcolici in generale schizza inesorabilmente verso l'alto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.