Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mosca critica le misure adottate dalla Svizzera per impedire sul territorio elvetico l'aggiramento delle sanzioni internazionali imposte alla Russia a seguito della situazione in Ucraina. "Queste decisioni sono ingiustificate e mostrano che gli svizzeri, a scapito dei loro stessi interessi, continuano a copiare i passi ostili fatti dagli Stati Uniti e dall'Unione europea verso la Russia", afferma il ministero degli esteri russo in una presa di posizione diramata oggi.

Le misure sono entrate in vigore alle 18 di ieri e riguardano il settore finanziario, l'industria petrolifera e i beni a duplice impiego. Nel settore finanziario vengono sottoposte all'obbligo di autorizzazione le emissioni di strumenti finanziari a lungo termine di cinque banche russe: Sberbank, VTB Bank, Gazprombank, Vnesheconombank, Rosselkhozbank. La decisione di rafforzare le misure era stata adottata dal Consiglio federale il 13 agosto. Il Governo ha deciso di non allinearsi alle sanzioni decise da Ue e Stati Uniti nei confronti dei separatisti russi attivi in Ucraina e della stessa Russia, accusata di sostenerli. Ha però deciso di elaborare ulteriori misure concrete per evitare l'aggiramento delle nuove sanzioni adottate da Bruxelles.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS