Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un giudice di pace di San Pietroburgo ha inflitto una multa di 20'000 rubli (450 euro) alla società 'Planeta plus' per le affermazioni a favore dei gay di Lady Gaga, in un concerto organizzato dalla stessa società il 9 dicembre scorso nell'antica capitale degli zar.

"Questa notte la mia casa è la Russia e potete essere gay a casa mia", aveva detto la star davanti agli spettatori, violando così la legge russa contro la propaganda gay in presenza di minori. A presentare denuncia, in particolare, la madre di una tredicenne che aveva assistito al concerto.

Il capo di 'Planeta plus' ha commentato dicendo che la sua società non si riconosce colpevole e presenterà appello. Anche Madonna è finita nel mirino della giustizia russa per prese di posizione analoghe in un concerto a San Pietroburgo: "i gay qui in Russia e ovunque nel mondo hanno gli stessi diritti", aveva detto in pubblico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS