Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Comitato investigativo russo smentisce che l'attentato di ieri alla sede dell'Fsb a Khabarovsk sia legato al terrorismo islamista e ribadisce che i dati a disposizione degli investigatori fanno ritenere che l'assalitore fosse "un seguace di idee neonaziste".

Dopo che l'Isis ha rivendicato l'attacco, la portavoce del Comitato investigativo, Svetlana Petrenko, ha dichiarato che "l'indagine non ha alcuna ragione per confermare il legame dell'assalitore con l'organizzazione terroristica internazionale che si sarebbe ascritta questo delitto".

Al contrario, Petrenko sostiene che "le informazioni ottenute al momento nell'ambito dell'investigazione consentono di ritenere che il crimine sia stato commesso da un seguace di idee neonaziste che contengono odio verso persone di altre etnie".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS