Navigation

Russia: OK legge antipedofili, castrazione chimica e ergastolo

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2011 - 17:51
(Keystone-ATS)

La Duma, il ramo basso del parlamento russo, ha approvato in prima lettura (su tre) una nuova legge proposta dal presidente Dmitri Medvedev per inasprire le pene contro i pedofili, prevedendo la castrazione chimica per gli autori di violenze sessuali su minori di 14 anni e l'ergastolo per i recidivi. Il testo è stato approvato con 432 voti a favore.

Dopo la terza lettura sarà inviato al Consiglio della Federazione - la camera alta - e quindi al presidente per la promulgazione. I tribunali potranno disporre la castrazione chimica (tramite un'iniezione che blocca l'azione ormonale) solo sulla base delle perizie di una commissione medica.

La legge è stata approvata sullo sfondo dell'aumento dei reati di pedofilia: secondo Garri Minkh, rappresentante del presidente russo alla Duma, nel 2010 sono stati commessi 961 reati di stupro su minori, di cui 384 su ragazzi con meno di 14 anni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?