Russia: protesta contro nuova cattedrale, ancora decine di fermi

Agenti della polizia antisommossa OMON portano via un dimostrante (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/ALEXEI SAZONOV sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 maggio 2019 - 09:45
(Keystone-ATS)

Decine di persone sono state fermate ieri sera a Ekaterinburg dalle forze speciali russe Omon nel terzo giorno di protesta contro la costruzione di una nuova cattedrale in un parco del centro cittadino.

Secondo i media locali, le persone portate via dalla polizia sono una sessantina. Le autorità ieri notte confermavano il fermo di 33 individui alla "manifestazione non autorizzata". Almeno 29 erano stati fermati il giorno prima.

Ieri sera migliaia di persone, da 2'000 a 5'000 a seconda delle fonti, si sono radunate nel parco dove si vuole costruire la cattedrale. Si tratta di un evento raro in Russia, dove le manifestazioni non autorizzate vengono regolarmente soffocate dalle forze dell'ordine.

I dimostranti stringevano in mano i loro cellulari con la "funzione torcia" accesa in segno di protesta illuminando questo angolo del parco. I dimostranti temono che la costruzione della cattedrale rovini uno dei pochi spazi verdi della città.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo