Navigation

Russia: proteste contro divieto matrimoni gay, 30 fermi

"Voglio vivere in una nazione libera": una donna protesta a San Pietroburgo contro la controversa riforma costituzionale approvata gli inizi del mese in Russia (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA/ANATOLY MALTSEV sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 luglio 2020 - 12:07
(Keystone-ATS)

Oltre 30 persone sono state fermate sabato a San Pietroburgo e a Mosca davanti alla Duma per aver protestato contro una nuova proposta di legge per vietare i matrimoni gay e le adozioni da parte di coppie di persone dello stesso sesso.

In Russia i matrimoni gay non sono riconosciuti. Un nuovo progetto di legge per inserire nel Codice della Famiglia il divieto dei matrimoni omosessuali è stato presentato da un gruppo di parlamentari due settimane.

La nuova riforma costituzionale voluta da Putin ed approvata all'inizio di luglio alle urne con un controverso plebiscito definisce, tra le altre cose, il matrimonio come "unione tra un uomo e una donna", innalzando di fatto la proibizione dei matrimoni gay al rango di norma costituzionale.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.