Navigation

Russia: sale bilancio vittime, Mosca senza cappa fumo

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 agosto 2010 - 10:49
(Keystone-ATS)

MOSCA - Sale da 48 a 50 il bilancio dei morti degli incendi che da oltre due settimane stanno devastando la Russia europea, mentre l'ondata record di caldo afoso non sembra concedere tregua almeno sino alla fine della settimana.
"Un corpo è stato scoperto nella regione di Nizhni Novgorod (500 km a est di Mosca), e una persona è morta all'ospedale nella regione di Voronezh (500 km a sud est della capitale)", ha reso noto il ministero delle situazioni di emergenza, aggiornando il conto delle vittime.
Si è intanto dissipata la fitta cappa di fumo acre e tossico che ieri aveva avvolto Mosca in una nebbia surreale, riducendo fortemente la visibilità nelle strade e inducendo le autorità a sconsigliare di uscire da casa, se non con la mascherina. I moscoviti sembrano soffrire parecchio questo anomalo cocktail di caldo e smog, anche perchè gran parte degli appartamenti è priva di condizionatori.
Il fenomeno, come segnalano alcuni psichiatri, ha alimentato nel 10% della popolazione l'apocalittico timore che si stia avvicinando la fine del mondo. "Dicono che è la punizione divina, l'inizio della fine del mondo, e i loro discorsi alimentano un sacco di voci", spiega Zurab Keklidze, del noto centro nazionale psichiatrico Serbski.
C'è anche chi crede che il caldo sia stato provocato da sofisticate armi climatiche, come Andrei Areshev, vice capo della fondazione Cultura strategica: tesi che fa breccia tra molti russi, soprattutto tra gli anziani, che non faticano ad addossare la colpa ai soliti americani.
Il capo medico-sanitario russo, Ghennadi Onishenko, ha intanto ipotizzato, nel caso la situazione non migliorasse, uno slittamento dell'anno scolastico, che tradizionalmente in Russia inizia il primo settembre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.