Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Disordini sono scoppiati oggi nel sud di Mosca dove migliaia di persone che hanno preso d'assalto un centro commerciale per protestare contro l'omicidio di un giovane russo da parte di un uomo probabilmente immigrato, che è riuscito a fuggire.

I manifestanti, soprattutto giovani, hanno distrutto finestre e vetrine del centro commerciale, prima di tentare di incendiare l'edificio. Poi si sono diretti verso un magazzino dove lavorano gli immigrati, ritenuti responsabili dell'aumento del tasso di criminalità nel distretto Biriouliovo della capitale russa.

La polizia, fatta oggetto di lanci di molotov, ha effettuato diversi arresti. La protesta è esplosa dopo l'uccisione di un 25enne russo residente nel quartiere, giovedì scorso, accoltellato sotto gli occhi della sua fidanzata. L'assassino era un uomo con tratti asiatici, secondo le immagini delle telecamere. Gli abitanti credono che si tratti di un clandestino. La polizia ha offerto oltre ventimila euro per chi darà una mano nelle indagini.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS