Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due anni e tre mesi di reclusione per aver condiviso sul VKontakte (una sorta di Facebook russo) un messaggio intitolato "La Crimea è ucraina" e l'immagine di un tubetto di dentifricio con su scritto "Strizza fuori la Russia che c'è in te".

È successo a Tver, in Russia, dove un tribunale locale ha condannato A. B., un ingegnere meccanico di 40 anni, per istigazione alla violazione dell'integrità territoriale russa e ad attività estremiste.

Il post condiviso da A. B. era stato originariamente pubblicato da Boris Stomakhin, giornalista del mensile 'Radikalnaia Politika' condannato nel 2014 a sei anni e mezzo di reclusione per i suoi post su internet.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS