Navigation

Russia: trovati resti di Gudin, generale amico di Napoleone

Ritrovati i resti dell'amico di Napoleone in Russia. KEYSTONE/AP/JENS MEYER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2019 - 17:14
(Keystone-ATS)

I resti del generale Charles Etienne Gudin, amico personale di Napoleone, sono stati ritrovati e identificati con certezza, col test del DNA, a Smolensk da un team franco-russo che opera sotto l'egida del gruppo di dialogo Trianon.

Gudin fu colpito da una palla di cannone durante la battaglia di Valutino nel corso della campagna del 1812 e perse entrambe le gambe. Fu evacuato a Smolensk, dove morì poco dopo. La sua tomba era considerata perduta.

"I nostri archeologi e i colleghi francesi hanno fatto un buon lavoro", ha commentato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, sottolineando che Putin è "al corrente della scoperta" e che la Russia, se la Francia lo richiede, è disposta a fornire "l'assistenza necessaria" per rimpatriare in Francia i resti del generale. In quel caso, ha detto alla Tass il presidente della Fondazione russo-francese per le iniziative storiche, Pierre Malinovsky, le spoglie di Gudin potrebbero essere tumulate all'Hotel des Invalides o di fronte al palazzo dell'Eliseo a Parigi.

Il gruppo di dialogo Trianon è stato fondato su iniziativa di Vladimir Putin ed Emmanuel Macron.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.