Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministero degli Esteri tedesco ha definito "inaccettabile" la decisione di Mosca di vietare ad un'eurodeputata tedesca di entrare in Russia dove doveva assistere al processo nei confronti di una donna ucraina sospettata di spionaggio. Il divieto, che riguarda l'eurodeputata Rebecca Harms, copresidente del gruppo dei Verdi al parlamento europeo è "inaccettabile", ha precisato il ministero.

Lo stesso dicastero e l'ambasciata tedesca a Mosca hanno "immediatamente" protestato all'ambasciata russa a Berlino e al ministero russo degli Esteri.

Secondo il gruppo dei Verdi al Parlamento europeo, Harms è partita ieri per Mosca, ma anche se provvista di passaporto diplomatico le è stato vietato di entrare in territorio russo. Dopo avere atteso tre ore all'aeroporto di mosca è stata dichiarata "persona non grata" e le è stato comunicato che se fosse entrata in Russia avrebbe commesso un "atto criminale".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS