Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera deve dotarsi di un registro nazionale dei tumori per migliorare la prevenzione e il trattamento di queste patologie. Ne è convinto il Nazionale che ha adottato oggi la nuova Legge sulla registrazione dei tumori. Gli Stati devono ancora pronunciarsi.

Ogni anno in Svizzera sono diagnosticati 37'000 nuovi casi di tumore e oltre 16'000 persone muoiono di cancro. Considerato l'invecchiamento della popolazione, nei prossimi anni si dovrebbe assistere a un aumento delle nuove diagnosi di tumore, ha ricordato Marina Carobbio (PS/TI) a nome della commissione.

Il progetto di legge vuole uniformare le procedure in materia di censimento dei tumori. Attualmente in Svizzera vi sono quindici registri cantonali e regionali, a cui si aggiunge il Registro svizzero dei tumori pediatrici, che coprono il 94% della popolazione. Il rilevamento dei dati avviene in modo disparato e quindi le informazioni non possono essere utilizzate in maniera ottimale.

La nuova legge consentirà di rimediare a questo inconveniente e di compiere progressi nei campi della prevenzione, della diagnosi precoce e del trattamento del cancro.

Per assicurare la sicurezza nel trattamento dei dati delle persone coinvolte, la loro trasmissione dai vari registri cantonali e dei bambini a quello nazionale avverrà tuttavia senza il nome, il cognome, l'indirizzo e il numero di assicurato del paziente, i quali saranno resi anonimi. Solo il mese e l'anno di nascita saranno trasmessi al nuovo organo centrale gestito dalla Confederazione.

Ogni paziente potrà inoltre opporsi in qualsiasi momento e senza giustificazione all'uso dei suoi dati. I pazienti dovranno pure essere informati, in principio dal loro medico, sullo scopo della raccolta dei dati e sui loro diritti. L'organo nazionale di registrazione dovrà sostenerli se necessario. Avranno infine il diritto di chiedere informazioni illimitate per sapere se e quali dati che li concernono sono trattati.

I deputati hanno peraltro prolungato a 30 anni dopo il decesso del paziente la conservazione dei dati inseriti nel registro nazionale dei tumori. Per quelli pediatrici il Nazionale ha addirittura portano il termine a 80 anni.

La Camera del popolo ha inoltre inserito una disposizione transitoria, affinché i dati presenti nei registri cantonali dei tumori e nel registro dei tumori pediatrici al momento dell'entrata in vigore della nuova legge possano essere trasferiti nel nuovo sistema.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS