Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

S&P non si attende aumento debiti di Cantoni e Comuni

Nonostante la crisi del debito in Europa e un rallentamento congiunturale l'agenzia di rating Standard & Poor's (S&P) non prevede un aumento dell'indebitamento dei Cantoni e Comuni svizzeri.

Nel 2011 Cantoni e Comuni avevano accumulato debiti per 94,9 miliardi di franchi, oltre 2 miliardi in meno rispetto al 2010, è stato spiegato oggi in una conferenza stampa a Zurigo. In questo modo la Svizzera rappresenta piuttosto un'eccezione in Europa. Solo in Italia l'indebitamento è diminuito più fortemente: stando a uno studio di S&P dal 2010 i debiti di Regioni e Comuni dovrebbero essere scesi di 5,4 miliardi a 111,2 miliardi di euro.

Nella maggior parte dei paesi analizzati in Europa occidentale l'indebitamento è invece cresciuto. La situazione peggiore si riscontra in Spagna dove la montagna di debiti di Regioni e Comuni dovrebbe ammontare a 222,3 miliardi di euro, contro appena 154,9 miliardi nel 2010. Anche in Gran Bretagna vi è stato un forte incremento dal 2010: +28% all'equivalente di 104,1 miliardi di euro.

Con l'equivalente di 77,3 miliardi di euro, i Cantoni e Comuni svizzeri hanno il sesto maggiore indebitamento tra le collettività locali dell'Europa occidentale. In cima alla classifica i Länder e Comuni tedeschi con 653,9 miliardi.

Nonostante un rallentamento economico S&P non prevede però un peggioramento strutturale significativo della situazione finanziaria di Cantoni e Comuni. Non dovrebbe esserci una pressione sui rating quest'anno e il prossimo. I cantoni di Vaud e di San Gallo possono perfino attendersi una valutazione migliore della loro solvibilità dopo che l'agenzia ha alzato le loro prospettive.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.