Navigation

Saint-Gobain cede la sua partecipazione in Sika

Presto Saint-Gobain non avrà più alcuna partecipazione nel gruppo zughese Sika, di cui per anni aveva voluto assolutamente assumere il controllo. Keystone/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 maggio 2020 - 19:45
(Keystone-ATS)

Il colosso industriale francese Saint-Gobain intende cedere il suo pacchetto azionario del 10,75% nel gruppo di specialità chimiche zughese Sika. I 15,2 milioni di titoli saranno venduti a investitori istituzionali attraverso una procedura accelerata

È quanto indica un comunicato diramato in serata da Saint-Gobain. Stando a cerchia bancarie il prezzo proposto è compreso tra 168 e 170 franchi per azione, mediamente il 5% in più della chiusura odierna del titolo alla Borsa svizzera (177,85 franchi). Con un prezzo di 169 franchi per azione Saint-Gobain incasserebbe quindi 2,57 miliardi di franchi.

Alla fine del 2014 il gruppo francese aveva annunciato di voler prendere il controllo dell'azienda con sede a Baar, offrendo agli eredi della famiglia fondatrice Burkard-Schenker - allora azionisti di maggioranza attraverso la loro holding - 2,75 miliardi di franchi per il 16,1% del capitale. Un'operazione che non piaceva agli amministratori indipendenti e alla direzione. Ne era scaturito un braccio di ferro finito davanti ai tribunali e durato anni.

Soltanto nel maggio del 2018, difatti, Sika, la holding Schenker-Winkler (SWH) e Saint-Gobain avevano anno trovato un accordo e pongono fine a tutti i procedimenti giudiziari in corso. In base all'intesa il gruppo francese avrebbe rilevato per 3,22 miliardi di franchi la SWH, per rivendere in seguito una quota del 6,97% a Sika per 2,08 miliardi di franchi, impegnandosi a conservare il 10,75% restante per almeno due anni.

Il processo di vendita di tale quota restante inizierà domani e dovrebbe essere finalizzato venerdì. Stando al comunicato Sika ha rinunciato al suo diritto preferenziale di acquisto. Il gruppo zughese non ha voluto commentare l'operazione nei confronti dell'agenzia AWP.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.