Navigation

Sakineh: 'confessano' in TV anche donna, figlio, avvocato

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 novembre 2010 - 11:03
(Keystone-ATS)

TEHERAN - Sakineh Mohammadi-Ashtiani, la donna già condannata alla lapidazione per adulterio in Iran con sentenza ora sospesa, suo figlio e il suo avvocato, arrestati il mese scorso, sono stati mostrati in un programma della televisione iraniana in cui hanno fatto alcune 'confessioni'.
"Sono una peccatrice", ha detto una donna con il volto reso irroconoscibile, presentata come la stessa Sakineh. Il figlio, Sajjad Ghaderzadeh, ha ammesso di avere detto "menzogne" alla stampa straniera quando ha affermato che sua madre era stata torturata in carcere, e ha aggiunto di averlo fatto su consiglio dell'avvocato Javid Hutan-Kian. Quest'ultimo ha anch'egli 'confessato' questa circostanza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.