Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TEHERAN - Se ci saranno le condizioni per farlo, i giudici iraniani "faranno del loro meglio" per ridurre la pena di Sakineh Mohammadi-Ashtiani ed evitarle quindi l'esecuzione capitale. Lo ha detto oggi il portavoce del ministero degli Esteri, Ramin Mehman-Parast.
Mehman-Parast, che rispondeva ad una domanda durante la sua regolare conferenza stampa settimanale, è tuttavia tornato a condannare quelle che ha definito "pressioni di carattere politico" esercitate sul caso da Paesi occidentali, in particolare dalla Francia e dalla Germania, avvertendo che questo comportamento può avere "effetti controproducenti".
Due giorni fa Malek Ajdar Shariri, il capo dell'apparato giudiziario della provincia dell'Azerbaigian dell'Est, dove Sakineh è incarcerata, aveva detto di non escludere la possibilità di un annullamento della condanna alla lapidazione, già sospesa la scorsa estate. "Tutto è possibile", aveva detto il magistrato quando un giornalista dell'agenzia Fars gli aveva chiesto se la sentenza potesse essere annullata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS