Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le sezioni zughese, urana e lucernese dell'UDC hanno deciso ieri sera di raccomandare il "sì" il 3 marzo all'iniziativa contro le remunerazioni abusive, distanziandosi così dal partito nazionale.

L'autore del testo, il consigliere agli Stati Thomas Minder (SH), era presente all'assemblea della sezione di Zugo e ha potuto celebrare di persona il successo. Dopo un'accesa discussione il sì ha ottenuto 32 voti contro 27.

I delegati lucernesi si sono espressi a favore dell'iniziativa popolare con 83 voti contro 70 e sei astenuti. Il consigliere nazionale Christoph Blocher (ZH), che difendeva la posizione del partito nazionale, ha dovuto dichiarare forfait dopo un'ora di dibattito. A Uri il testo contro le remunerazioni abusive è stato accolto con 27 contro 19 e due astensioni.

Le sezioni di Zurigo, Argovia, Glarona e del Basso Vallese avevano già deciso in precedenza di raccomandare il sì, contro l'opinione dell'UDC svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS