Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I salari nei settori con contratti collettivi di lavoro (CCL) sono saliti quest'anno dello 0,8%, come concordato dalle parti sociali. Lo 0,3% è a titolo collettivo, mentre lo 0,5% per ritocchi individuali. Le retribuzioni minime sono state maggiorate dello 0,7%.

Tenendo conto dell'inflazione gli stipendi reali nei rami con CCL dovrebbero aumentare dell'1,9%, informa l'Ufficio federale di statistica (UST) in un comunicato. Il +0,8% nominale è in in linea con i dati degli scorsi anni (2014: +0,8%, 2013: +0,7%, 2012: +1,1%).

Le intese sulle remunerazioni effettive hanno interessato circa 465'000 dipendenti. Per 27 CCL le trattative salariali non sono sfociate in alcun accordo.

A livello settoriale, gli adeguamenti maggiori sono stati osservati nei comparti fabbricazione di tessili e abbigliamento (+2,3%), telecomunicazioni e informatica (+1,7%), servizi postali e attività di corriere (+1,6%) nonché trasporti (+1,5%). Per contro, i ritocchi più deboli sono stati riscontrati nei rami servizi di assistenza residenziale (+0,2%), fabbricazione di prodotti di elettronica e orologi (+0,1%) e fabbricazione di macchinari e materiali per il trasporto (variazione nulla).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS