Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La forbice salariale in Svizzera continua ad allargarsi, secondo Travail.Suisse.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

La confederazione sindacale Travail.Suisse è allarmata: tra il 2011 e il 2016 i salari dei direttori d'azienda sono saliti in media del 17%, mentre quelli dei normali dipendenti sono cresciuti solo del 3,4%.

La forbice salariale si allarga quindi nonostante l'approvazione dell'iniziativa sulle retribuzioni eccessive.

Nella maggior parte delle 27 imprese esaminate lo scorso anno i CEO hanno percepito il 5% in più dell'anno prima, sottolinea Travail.Suisse nella sua 13esima inchiesta sulle remunerazioni. Nel 2011 la forbice salariale media tra il minore e il maggiore stipendio si attestava a 1:45, nel 2016 a 1:51.

Questa tendenza non si osserva soltanto nelle grandi ditte attive nella finanza e nella farmaceutica, ma si riscontra in tutti i rami economici. Come esempio viene citato il presidente della direzione del gruppo chimico basilese Lonza, Richard Ridinger, che ha guadagnato 76 volte di più che i suoi dipendenti dallo stipendio più basso. Oppure il gruppo attivo nel commercio e nella distribuzione Valora, nel quale in appena cinque anni la forbice salariale si è allargata da 1:23 a 1:59.

È vero che l'iniziativa Minder ha condotto a votazioni sulle retribuzioni dei manager nell'ambito delle assemblee generali delle aziende. Tuttavia generalmente non si vota separatamente sulla parte fissa e su quella variabile (bonus), inoltre i pareri vengono spesso espressi a priori e senza conoscere l'andamento degli affari.

Travail.Suisse osserva invece progressi nella presenza delle donne nei consigli d'amministrazione, la cui quota è raddoppiata negli ultimi dieci anni. Ma ancora oggi è occupato da una donna meno di un quarto dei seggi. La situazione nelle direzioni poi è "pressoché drammatica", con un tasso di donne di appena il 6% a fine 2016.

Appena due giorni fa anche il sindacato Unia aveva pubblicato uno studio in base al quale i salari dei CEO di 40 grandi società elvetiche sono cresciuti in media del 7% lo scorso anno, mentre quelli dei sottoposti appena dello 0,7%. La forbice salariale si è attestata in media a un rapporto di 1:165, contro 1:150 nel 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS